Senza Fini

Fini rompe con Berlusconi. Se collaborerà, sarà sottoposto ad un programma di protezione.

Il Presidente della Camera aveva dettato cinque condizioni per una tregua. La controfferta di Berlusconi era stata la concessione di un ultimo desiderio.

(non era in vena di fare favori, non era il matrimonio di sua figlia)

Il premier sostiene che i finiani non siano compatibili col Pdl. Fin da bambini, guardie e ladri stanno in due squadre diverse.

L’ipotesi di una vera e propria espulsione è però caduta quando Fini aveva annunciato il possibile ricorso alle vie legali, mettendo tutto il Pdl nelle mani della magistratura. E non, come accade ora, i suoi membri uno per volta.

Berlusconi: “Mi sono tolto un peso, mi sento liberato. Come quando ho divorziato”. Un bel messaggio per l’elettorato cattolico.

“Abbiamo provato in tutti i modi a ricucire”. Ma Fini continuava a muovere la bocca.

Berlusconi sa che sono in gioco il governo e la legislatura. E per fortuna non ha una reputazione da difendere.

“Abbiamo i numeri per andare avanti”, ha dichiarato il premier, controllando il suo estratto conto.

“Sui giornali fantasiose ricostruzioni”, si legge su un prestampato di Palazzo Chigi.

Raisi: “”La cosa paradossale è che resta nel Pdl chi si è fatto comprare la casa o chi è stato condannato”. Paradossale? Si vede che non ha letto lo statuto.

Fini: “Sosterremo il governo, se penserà all’interesse generale”. Se ne fosse capace, non ci sarebbe stato bisogno della rottura.

“Ieri è stata scritta una brutta pagina per la politica italiana”. Ormai il nuovo libro di Vespa è quasi pronto.

Per i suoi gruppi, Fini cerca un nome che evochi la speranza per il futuro, il bene della nazione, l’importanza della libertà. “Anti-Pdl”?

Granata: “Avremo mani libere su quello che non condividiamo”. E non hanno mai condiviso le veline candidate.

I deputati dell’Idv praticheranno ostruzionismo nell’aula della Camera fino a quando Berlusconi non andrà in Parlamento. Rispetto al solito, c’è solo che si sa quando smetteranno.

Diliberto chiede elezioni anticipate. E’ da un po’ che i comunisti non si scindono.

Minzolini: “Se il governo cade e nessuno lo sente, è caduto davvero?”

Annunci
Published in: on luglio 30, 2010 at 9:14 pm  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://venividiwc.wordpress.com/2010/07/30/senza-fini/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Ingambissimo Luca! Ormai sei un un crescendo Berlusconiano.

    ChaoLin LinGiù

  2. The last one definitely made my day.

  3. Grazie mille a tutti e due, Lino e sig. Agustolini 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: