Giochi capitolini

Monti dice no alle Olimpiadi. Teme aumenti incontrollati per i giochi a sei cerchi.

Il presidente del Consiglio non è stato convinto dalla relazione sui costi. Soprattutto la parte dove diceva “Invece, senza fattura…”

Petrucci, Pescante e Alemanno sono molto arrabbiati per la mancata candidatura olimpica. Bravi, è proprio questo lo spirito.

La Chiesa pagherà l’Ici sugli immobili dove si svolge un’attività commerciale. Non avendone altri.

(vedi ad avere un premier che non deve farsi perdonare le mignotte?)

Tessere Pdl, adesioni anomale in varie parti d’Italia. Non hanno chiesto favori in cambio.

In Sardegna denunciata la presenza di esponenti Pd nel Pdl. Dicono di essere tanto diversi dal resto dell’Italia e poi…

A Savona risultano come tesserati del Popolo della libertà alcuni nomadi. Debole la difesa: “Non pensavate mica votassero Lega?”

Alfano: “Il Pdl si è dotato di regole contro i furbi”. Gasparri le rispetta senza problemi.

A Napoli sospetti su numerose tessere. Il rituale di affiliazione non sarebbe stato eseguito correttamente.

Fede: “Dopo il Tg4 scendo in politica”. Finalmente ha deciso di schierarsi.

Sanremo, Celentano ha detto così tante banalità che il padre di Fabio Volo ha chiesto il test del dna.

I giornali cattolici e la conferenza episcopale hanno risposto duramente al suo intervento. Sono abituati a disquisire sul nulla.

Il cantante ha attaccato anche Merkel e Sarkozy. Spero che per tenerci in Europa ci chiedano la sua testa.

Bersani: “Tra Fornero e Belen mia figlia sceglierebbe Fornero”. È appoggiata da Sel?

(e comunque sono due fautrici della flessibilità sul lavoro)

Il processo Eternit si conclude con una condanna. Bisognerà trovare un altro modo per aggirare l’articolo 18.

In Iran potrebbe essere abolita la lapidazione. Hanno appena scoperto il fuoco.

Negli Usa una senatrice repubblicana ha proposto di rendere illegale la masturbazione. L’America ha bisogno di giovani incazzati e pieni di energia.

Putin vuole incentivare le nascite per ripopolare la Russia. E i paesi limitrofi.

Ricercatore italiano all’estero scopre il “mantello dell’invisibilità”. Era sui suoi colleghi rimasti in Italia.

Professore arrestato a scuola per spaccio di droga. Ora verrà interrogato.

Scoperta in provincia di Como la grotta più lunga d’Italia. Sbuca davanti ad una banca svizzera.

Regione Piemonte, primo sì della commissione bilancio all’assegno per le madri che decidono di non abortire: 250 euro per 18 mesi. Poi potranno sempre vendere il bambino.

(per i cattolici la vita è sempre stata un valore. Finalmente hanno quantificato)

Oscurato il portale sul Vajont per una frase che accosta Paniz e Scilipoti alla mafia. Ma è solo un avvertimento.

Esplode la sigaretta elettrica, uomo perde denti e lingua. “Ehi, questo non c’era scritto sul pacchetto!”

Finta dottoressa deruba anziani in un ospizio. Quando c’è gente che ha studiato anni per farlo.

Il movimento eco-nazionalista padano lancia la sua moneta. Ideale per il riciclaggio.

Ciclismo, uomo di 100 anni batte il record dell’ora della sua categoria. Ma all’arrivo c’era comunque tra la folla quella nera signora.

Uomo trovato morto con quaranta euro in bocca. A volte l’amore costa troppo.

Per rilanciare la sua immagine, Calcutta sarà pitturata di azzurro. Sarà il primo cielo a fogna aperta.

Indice opponibile

DRAMMA IN 3 ATTI

I ATTO – LA MANOVRA DI LUGLIO

Il governo chiede coesione in nome dell’interesse comune. E’ il tasso che mi preoccupa.

Berlusconi: “Le banche sono solide, le famiglie ricche”. Deve essere una manovra di esercitazione.

In realtà, il bisogno di denaro è tale che il maxi-emendamento era sponsorizzato dalla Kinder.

Taglio delle agevolazioni fiscali relative alla famiglia. Verranno applicate solo per chi ha da due famiglie in su.

Tagli anche sugli asili: i bambini non devono farsi illusioni.

I giovani imprenditori che intraprendono un’attività pagheranno inizialmente il 5% di tasse. Poi si faranno furbi.

Il governo punta al pareggio di bilancio. “A quanto ammonta la taglia su Berlusconi?”

Gasparri annuncia l’arrivo di un testo con lo scopo di tranquillizzare i mercati. “Con quante s si scrive dimissioni?”

Tremonti: “E’ come sul Titanic”. Una manovra sbagliata.

II ATTO – GLI EFFETTI

La situazione della Borsa italiana è critica, numerosi i ribassi a Piazza Saldi.

La settimana scorsa, il calcolo del Ftse Mib è stato sospeso. Hanno pignorato i computer.

I titoli italiani vanno così male che le contrattazioni si sposteranno all’inceneritore di Acerra.

Numerosi i crolli: sembrava che il Ministro dell’Economia fosse Bondi.

Secondo gli esperti, in questo periodo le Borse sono volatili. Per diabetici.

La situazione del debito italiano è talmente drammatica che Tremonti potrebbe essere sostituito da Bono.

Berlusconi: “I mercati non valutano correttamente la nostra solidità”. Prova col monte dei pegni.

Secondo il premier, sulla crisi della Grecia l’Europa è stata lenta. Solo noi le siamo subito stati vicini.

“Ho tre aziende in Borsa”, ha dichiarato Berlusconi, mostrando di condividere i problemi delle famiglie italiane.

“Il mercato non valuta correttamente i nostri punti di forza”. Vuole sempre la fattura.

“Se avete titoli, teneteli nei cassetti”. E avrete degli splendidi pezzi di arte povera.

“Non credo che la crisi si aggraverà”. Alla nostra economia verrà risparmiato il vilipendio.

III ATTO – MANOVRA BIS

Tremonti: “La crisi ha preso un corso non facile da prevedere nella sua dinamica”. Non ha portato il benessere che ci aspettavamo.

Il discorso di Tremonti non convince nessuno: calano le sue possibilità di essere nominato curatore fallimentare.

A mezzogiorno il governo invita i rappresentanti degli enti locali, per spiegare le misure che verranno intraprese. Ma chiede loro di portare il pranzo.

Le Regioni definiscono “sconcertante” la manovra. E sono abituate all’abbigliamento di Formigoni!

Famiglia cristiana spera che le lacrime ed il sangue valgano per tutti. Specie per le statue della Madonna.

Il governo pensa di accorpare sulle domeniche le festività. Sicuri che non ci siano ponti più inutili?

Le festività laiche verranno dunque spostate al lunedì. Anche la Festa dei lavoratori diventa precaria.

Nel mirino del governo c’è l’abolizione delle province con meno di 300 mila abitanti. Quella gente non scopa abbastanza.

La manovra prevede dunque l’abolizione di 37 province. Le ultime amministrative proprio non le hanno digerite.

(Milano verrà accorpata a Segrate)

Accorpamento dei piccoli comuni, taglio dei fondi contro il dissesto idrogeologico: per alcuni paesi di montagna l’accorpamento potrebbe essere fisico.

Berlusconi: “Andiamo nella direzione richiesta dalla Banca Europea”. Deve aver finalmente letto la posta del 2008.

“Cancelliamo oltre cinquantamila poltrone”. Saranno sostituite da comodi troni.

Il premier ringrazia Tremonti: “Ha lavorato giorno e notte”. Ci credo che alla fine non fosse lucido.

Sulla manovra non verrà posta alcuna fiducia. Almeno a detta dei mercati.

Napolitano anticipa il rientro dalle vacanze. E controlla subito il materasso.