Un mercoledì da colombe

Berlusconi gira un nuovo videomessaggio. L’avevo intuito quando l’ho visto da Calzedonia.

L’ex premier dichiara che è in corso un’operazione eversiva che mina lo stato di diritto. Poi si scusa per il disagio.

Berlusconi comanda, i parlamentari firmano le dimissioni. Ora è più chiaro cosa alle riunioni del Pdl si intenda per ordine del giorno.

Letta: “Umiliata l’Italia”. Ora non resta che umiliare gli Italiani.

I ministri Pdl lasciano l’esecutivo. Allora è vera la storia dei topi.

Nella riunione in cui e dimissioni sono state decise, Alfano non c’era. Berlusconi è contrario ai conflitti di interesse.

“Ministri Pdl si dimettono perché il governo ha violato i patti”. Non è mica la legge.

Letta accusa l’ex premier di rovesciare la frittata. E non è facile senza coperchi.

I ministri si dimettono, ma poi criticano Berlusconi. Cercando di dare credibilità ai futuri “Eseguivo solo degli ordini”.

Dopo pochi mesi di larghe intese il partito appare fortemente diviso. È ufficiale: il Pd è contagioso.

Passi avanti per la democrazia interna al Pdl: Cicchitto ha chiesto di parlare e non gli è stato concesso, però può ancora raccontarlo.

Bondi: “Cicchitto è stato assoldato dalla sinistra”. Guarda che quello è Renzi.

Santanchè: “Mi risulta che Alfano abbia chiesto la mia testa”. È il classico caso in cui la domanda supera l’offerta.

Letta chiede la fiducia: “Siamo stati tutt’altro che il governo del rinvio”, ha dichiarato, ricordando l’aumento dell’Iva.

“L’Expo 2015 sarà una scossa per l’Italia”. Quindi tutto quel sommerso è a rischio tzunami.

Tremonti non partecipa al voto. Ogni volta che c’è di mezzo una crisi, lui non ne vuole sapere niente.

Clamoroso dietrofront di Berlusconi su Letta. E aspettate di sentire quello sulla Merkel.

“Il Pdl voterà la fiducia. Ma è stata dura convincere Alfano”.

Berlusconi: “Nessuno ci dividerà”. È perfetto come piccolo porcellino.

Alfano ha dunque sconfitto politicamente Berlusconi. Quando sembrava più probabile che comprasse l’Inter.

(ora pare che Smithers voglia aprire una sua centrale nucleare a Springfield)

Quagliariello: “Nel Pdl ci sono due classi dirigenti incompatibili”. Entrambe in Berlusconi.

Epifani: “Il Cavaliere ha perso, il Paese ha vinto”. Quindi il Pd ha pareggiato.

“Berlusconi non c’è più”, ha dichiarato D’Alema, rimettendosi i baffetti.

Annunci

Dolce stil novo

Berlusconi costretto a dimettersi dai mercati. Non ha più trovato parlamentari da comprare.

L’ex premier ha dichiarato di essere stato tradito da chi gli stava vicino, proprio come Gesù. Di certo da quelli non verrà mai lapidato.

“Non mi attendo riconoscimenti”, ha affermato, mettendo pressione sui testimoni.

Si succedono le dichiarazioni sulla strada da intraprendere. Rutelli: “Serve un governo Pdl, Pd, Terzo Polo”. E lui farà parte di tutti e tre.

Salvini: “Il Pdl non esiste”. E’ d’accordo con dell’Utri.

Lupi vorrebbe invece una soluzione spagnola: davanti al momento drammatico, Berlusconi deve essere franco.

Bersani: “Evitare Vietnam parlamentare”. Non vuole proprio veder vincere i Comunisti.

“Elezioni subito”, ha dichiarato dal canto suo Di Pietro, facendo irruzione in una scuola elementare.

Bossi: “No alle ammucchiate, sì ad un governo Alfano”. Ognuno ha le sue perversioni.

Il medico personale del premier gli ha fatto visita. Annunciandogli che passerà all’Asl.

Ha comunque dichiarato di averlo trovato in buona salute. Ottimo, niente domiciliari.

Qualche giorno dopo, però, all’ex premier è salita la febbre fino a 39. 2,5 gradi di spread con la temperatura della Merkel.

Berlusconi: “Non mi arrenderò finché non avrò rinnovato l’architettura dello Stato”. E condonato le modifiche.

Per il Financial Times, il nuovo governo dovrà ricreare la fiducia di investitori ed alleati nell’Italia, e quella degli Italiani nella loro classe politica. O ripiegare su una più agevole pace nel mondo.

Monti nuovo capo del governo. Lui sì che sa come si trasforma la crisi in un’opportunità.

Il neo premier ha incontrato delegazioni di tutti i partiti. Ora ha più chiari i problemi del Paese.

“Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione”, è la formula del giuramento. Quante novità questo Governo!

Scompaiono i Ministeri di Brunetta, Bossi e Calderoli. Disinfestarli non è bastato.

Scompare anche il Ministero della Gioventù. Al suo posto quello dell’”Ai miei tempi”.

Molti banchieri nel Governo. Proveranno l’ebbrezza di stare dall’altra parte del debito.

Il nuovo ministro dell’Ambiente si è detto favorevole al nucleare, agli OGM, alla TAV e al ritorno della Prestigiacomo.

Berlusconi passa a Monti la campanella. Non vi dico chi è arrivato quando l’ha provata.

Prossimamente il nuovo presidente del Consiglio italiano farà un tour nelle principali capitali europee. Come Paese spalla.

Monti: “Alzare il livello di istruzione, che è nettamente inferiore alla media europea”. Alla scuola media europea.

Per il nuovo premier, l’Italia deve tornare protagonista in Europa. Per ora mi accontenterei di una salvezza tranquilla.

Bossi: “Saremo vigili”. Si faranno capire fischiando e gesticolando.

Berlusconi: “Il Governo Monti è una sospensione della democrazia”. Che era appena tornata in vigore con le sue dimissioni.

“Il nuovo governo parte col piede sbagliato”, ha dichiarato Capezzone, a cui nessuno ha ancora tolto il diritto di parola.

Scilipoti a Montecitorio con la fascia nera ad un braccio braccio. Ha difficoltà a distinguere la destra dalla sinistra.

Napolitano: “L’Italia sarà all’altezza delle attese dell’Europa”. E’ il bello di quando nessuno si aspetta niente.

Miccichè: “Napolitano ha fatto un richiamo all’Italia”. Per questo ci stiamo liberando del virus.

Per tanti ora si apre una nuova era politica. Speriamo sia quella in cui appaiono i sapiens.

In piazza contro i saldi

Il Pd manifesta a Roma per mandare a casa il governo. Vuole fare opposizione ad un nuovo esecutivo.

Lo slogan è “Con l’Italia che vuole cambiare”. Lo stesso del congresso, ma senza “segretario” in fondo.

Effetti speciali per le strade: finta neve ed unità tra i dirigenti del partito.

D’Alema: “Senza il Pd non si vince”. Non c’è vittoria senza sconfitti.

In piazza anche Di Pietro. Per la sua manifestazione giornaliera.

Presente anche Diliberto, in rappresentanza di buona parte del suo corpo.

Attimi di tensione quando alcuni sindaci, vestiti da maghi per protestare contro i tagli, stavano per essere messi al rogo dalla componente popolare.

Franceschini: “Speriamo che il 14 arrivi la primavera in anticipo”. Finocchiaro: “Non è un buon clima”. Fingersi il meteo ormai è l’unico modo per apparire nei Tg.

Durante il discorso di Bersani, una manifestante ha accusato un malore. Si è turata il naso per troppo tempo.

Il segretario: “Se siamo arrivati a questo c’è molto del nostro lavoro”. Quello dell’ultima campagna elettorale.

Attestato di stima

Per dimostrare la stima verso De Gennaro ed il suo lavoro, il governo ne ha respinto le dimissioni. A manganellate.

Riforma della scuola

Scuola, Gelmini: “Quest’anno linea più rigorosa”.
Dev’essere il rigor mortis.

Berlusconi e la corruzione

Berlusconi annuncia un ddl anti-corruzione, ma il governo frena: sta cercando di fargli capire che è già illegale.

Published in: on febbraio 21, 2010 at 6:48 pm  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria

Governo: 10 punti per sconfiggere la mafia. Uniteli e scoprirete come.

Rispetto a quello che alcuni esponenti del Pdl avevano pensato in precedenza, il piano antimafia ha qualcosa in più. “Anti”.

Il disegno di legge prevede la realizzazione di un sistema di informazione sulle cosche attraverso un desk interforze e l’acquisto di un dizionario per capire cos’è.

Berlusconi: “Meno clandestini, meno crimini”. E lui è contro i criminali. Quando non hanno diritto di voto.

Berlusconi: “Il nostro piano va in moltissime direzioni per vincere contro il male nel nostro paese”. Prevede la rinuncia al processo breve?

Maroni: “Aggredire i patrimoni mafiosi”. Soprattutto ora che Tremonti ne ha fatti rientrare un po’.

Berlusconi: “Spero sia finita la moda di programmi tv che parlano di Mafia”. A rischio la fiction su dell’Utri.

Alfano: “Da domani la parola ‘ndrangheta farà parte della legislazione nazionale”. Un giusto riconoscimento dopo i fatti di Rosarno.

Berlusconi: “Il governo ribadisce che anche in Calabria lo Stato c’è”. Quello di emergenza.

Ci vuole gentilezza, e che cazzo!!!

Il ministro Brunetta, quello di “Gli statali sono fannulloni”, “Ci sono troppi poliziotti panzoni”, “La sinistra vada a morire ammazzata”, “Ci sono delle elite di merda”, vuole imporre agli statali l’obbligo della gentilezza. Secondo questo criterio, mi aspetto che Berlusconi imponga quelli della castità e dell’onestà.

Convenienza

L’Ocse annuncia che i dati sulla ripresa economica in Italia sono diventati molto favorevoli. Il Governo annuncia che i dati dell’Ocse sono diventati affidabili.

Opportunismo

Nella prigione di Napoli è morto di influenza H1N1 un ergastolano. Se il virus dovesse diffondersi nel penitenziario, il governo è pronto a sostenere che il suo piano-carceri comincia a dare i suoi frutti.