White metal

Attentati in Norvegia, si pensa subito alla pista islamica. Seguendo la procedura.

Gran parte del centro di Oslo è stato immediatamente evacuato. Come ogni sera dopo le 17.

Arrestato l’attentatore, si chiama Anders Behring Breivik: che fortuna aver iniziato ad indagare seguendo l’ordine alfabetico.

Il folle assassino è dunque un norvegese. Ma si cerca ancora una spiegazione più confortante.

Bianco, alto un metro e novanta, dall’aspetto decisamente nordico. Questo è l’identikit della nuova generazione di attentatori islamici.

Il colpevole è celibe, vicino agli ambienti di estrema destra e fondamentalista cristiano. Ci sarà presto bisogno di un nuovo conclave.

(alto, biondo, celibe e ultraconservatore: il poster dell’attentatore norvegese sul prossimo numero di Cioheil)

L’attentatore è un fondamentalista cristiano di 32 anni. Ancora un anno e sarebbe stato lui a morire per i nostri peccati.

(in realtà ha voluto solo avvicinare molti norvegesi a Dio)

Alcuni testimoni sostengono che l’assassino non sarebbe stato solo. O forse era semplicemente trino.

L’uomo invece ha dichiarato più volte di aver agito da solo. Poi il gallo ha cantato.

Un esperto: “Il fondamentalismo cristiano estremo può degenerare in violenza”. E la psicologia da due soldi in un libro di Fabio Volo.

Anders Behring Breivik era membro di un blog neonazista svedese. Sotto accusa i moderatori.

L’uomo possedeva una fattoria a 150 Km da Oslo. Il mulino ariano.

In quel posto gestiva un’azienda agricola biologica. Non voleva essere preceduto dalle cattive abitudini alimentari.

Multiculturalismo, marxismo, Islam: sono questi gli obiettivi contro cui si scagliava. E non poteva solo trasferirsi da noi?

L’assassino ce l’aveva con l’atteggiamento del governo verso gli Islamici. Temeva potessero compiere qualche attentato.

Vestito da poliziotto, ha iniziato a sparare su numerosi ragazzi. Pare che lì sia vietato.

Ora starebbe collaborando con le forze dell’ordine. Dopo aver brillantemente superato i test psicoattitudinali.

Subito prima dell’attentato, ha pubblicato su internet un memoriale di 1500 pagine, che svela molto sulla sua personalità. Per esempio, soffriva di grafomania.

Il Papa: “Abbandonare le vie dell’odio”. Sembra sia l’ora di punta.

Occupazione

Il Papa sulla Fiat: “Ho a cuore l’occupazione”. Della Polonia.

Berlusconi in Israele

Berlusconi ha tenuto oggi un intervento dinanzi ai deputati del Parlamento israeliano, dopo aver cercato di capire come funziona questa istituzione sconosciuta nel nostro paese.
La sua esplorazione di luoghi per lui inediti proseguirà con la visita ad un tribunale locale.

Berlusconi: “C’è uno Stato che ha una guida che ricorda personaggi nefasti del passato”. A rischio i rapporti con la Santa Sede.

“L’Italia trovò la forza di riscattarsi dall’infamia delle leggi razziali attraverso la lotta di liberazione dal nazifascismo”. Poi si riscattò dalla lotta di liberazione dal nazifascismo attraverso il reato di clandestinità.

Il discorso è stato interrotto da 12 applausi da parte dei parlamentari, che speravano avesse finito.

Berlusconi ha concluso con “Viva Israele, Viva l’Italia, Viva la pace e la libertà”. Triplice brivido per la delegazione italiana.

Durante la conferenza stampa, è bastato che un cronista pronunciasse la parola “moglie” perchè Berlusconi facesse entrare Netanyahu in un armadio.

Giornata della memoria

Napolitano: “Questa pagina di storia é ancora piena di insegnamenti”. Tipo che non bisogna firmare leggi dettate da odio razziale o principi dittatoriali?

Napolitano ha anche ricordato la “lotta per la libertà e il pieno riconoscimento dei diritti dei popoli”. Parole di apprezzamento da parte della Lega.

Papa Benedetto XVI dapprima si è racchiuso in un profondo silenzio. Citando Pio XII.

Successivamente il Papa ha parlato di «orribile crimine», di «megalomania disumana». Poi, terminato di provare il discorso contro il Gay Pride…

Il Papa ha pronunciato il suo discorso in tedesco, provocando malori ad alcuni sopravvissuti.

Purista

Dopo la presentazione a luglio, da qualche giorno le cosiddette ronde nere sono scese in strada a Roma, con divise color ocra, aquila romana, scritta SPQR e braccio destro alzato e teso con le tre dita aperte. Subito il sindaco Alemanno ha preso le distanze: “E’ una pagliacciata. Il saluto romano non si fa mica così!”

Nostalgia canaglia…

Una delle novità del decreto sicurezza riguarda i Centri di identificazione ed espulsione per gli extracomunitari. Il premier li aveva definiti simili a campi di concentramento, ora il governo ha aumentato la detenzione massima da due a sei mesi. Evidentemente per alcuni esponenti della maggioranza quello di Berlusconi era un complimento.

Unanime condanna

Feroci polemiche hanno scatenato le canzoni naziste e razziste dei 99 Fosse, che si possono scaricare da internet. A sorpresa, anche il sindaco di Roma Alemanno ha voluto esprimere la sua ferma condanna: “E’ vergognoso. E’ una vergogna che si scarichi la musica da internet. Al bando la pirateria, bisogna comprare solo dischi originali”.

Published in: on novembre 24, 2008 at 8:53 PM  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , ,