Regionali minuto per minuto

Alla 12 di domenica l’affluenza in Lazio è in netto calo. Ma tanto c’è tempo tutta la settimana per votare.

(e comunque, piuttosto che fare mea culpa, c’è sempre il bel tempo da incolpare)

In alcune regioni dati davvero allarmanti sull’astensionismo. Poi si è capito che non tutte dovevano votare.

Timide speranze per il Pd nel pomeriggio di domenica: Felipe Melo segna il goal della vittoria della Juve, Max Biaggi trionfa in una gara in Superbike: la vittoria non sembra più così impossibile.

Politici al voto.
Bersani ai giornalisti ha risposto: “Ho dormito benissimo”. E per tutta la campagna elettorale.
Berlusconi si intrattiene a lungo nel seggio. Non trovava lo sciacquone.

Arrivano le proiezioni nelle sedi di partito: quelli comunisti hanno optato per il solito polpettone russo di inizio novecento.

In Veneto risultato scontato. Sulla scheda, l’elettore poteva mettere la croce su “Zaia” o “l’altro”.

A Venezia, però, sconfitto Brunetta. Sistema proporzionale?

Bersani: “Il voto alla Lega è un voto contro Berlusconi”. E’ l’unico partito che può metterlo in difficoltà.

Bersani: “E’ falso che il Pd al Nord sia andato male”. E poi è brutto parlare male degli assenti.

Bersani: “Abbiamo tenuto rispetto alle europee”. Che, se non sbaglio, erano state un trionfo.

Berlusconi: “Questo risultato elettorale è il miglior riconoscimento per l’attività svolta dal governo”. L’assunzione del controllo dell’informazione.

Rutelli dipinge un quadro tragico della politica italiana dopo le regionali: giustizialismo a sinistra, populismo a desta. E lui al centro.

Cota: “La Lega ha vinto perché fa le cose”. E vede gente.

Grande astensionismo, molti voti alla Lega: aumenta la gente che della politica non vuole più saperne.

Berlusconi ha ricevuto la telefonata del presidente della Camera Gianfranco Fini. Che ha riconosciuto la sconfitta.

Fini: “Sia il Pdl a dettare l’agenda”. Basta che non pretenda che sia la Lega a scriverla.

Secondo Fini dev’essere il Pdl la forza trainante. Molti suoi esponenti, infatti, tirano più di un carro di buoi.

Spinoza a Tetris 3

Ecco il mio contributo per la partecipazione di Spinoza alla puntata di Tetris di ieri. Ospiti, tra gli altri, Quagliariello (Pdl), Serracchiani (Pd), Salvini (Lega), Sgarbi. Purtroppo a Stark sono stati concessi solo circa 10 secondi (Il video).
Il post ricavato dalle battute del gruppo di Spinoza lo potete trovare qui

In studio Vittorio Sgarbi. C’era il rischio che interrompesse anche la sigla di apertura.

Sgarbi: “Io aumento gli ascolti”. Perchè lo sentono gridare da lontano.

Sgarbi: “Un giornalista non è pagato per essere di parte”. E’ questa la differenza con un direttorissimo.

Debora Serracchiani è la donna più vista su internet coi vestiti addosso.

E’ così giovane e piena di ideali che non vota nemmeno Pd.

Se Debora Serracchiani avesse avuto l'”h” finale sarebbe stata candidata per il Pdl.

Il Pd non teme l’astensionismo. Finalmente un lato positivo del non avere elettori.

Salvini: “La sanità lombarda è all’avanguardia”. Sta già pensando a cosa curare dopo il cancro.

Salvini: “Voglio parlare dei problemi del paese”. Egocentrico.

Salvini sottolinea come sia sempre in giro tra la gente. E’ che in casa non lo vogliono.

Quagliariello: “Rivedere la par condicio, togliendola di mezzo”. E poi rivedere la Costituzione.

Quagliariello: “Santoro non è nei pensieri di Berlusconi”. Non ha le tette.

Telese: “Berlusconi non segue codici tradizionali”. Nè quello civile nè quello penale.

Caos liste

Berlusconi: “C’è dietro un disegno ben pensato”. Il che scagionerebbe il Pd.

Milan fuori dalla Champions

Milan sconfitto a Manchester, dove subisce 4 reti, senza riuscire a segnarne nemmeno una. Dovevano esserci dei radicali sdraiati sulla linea di porta.

Talk show

Cda Rai: stop ai talk show fino alle elezioni. Chi ne sentirà la mancanza, potrà partecipare a qualche riunione di condominio.

Binetti vs Bonino

Dopo essere stata candidata dal Pd contro il volere di Paola Binetti, oggi Emma Bonino ha avuto un lieve malore durante una seduta. Se Dio esiste, è vendicativo.

Scusate l’assenza!

Il presidente del Turkmenistan, ex dentista, ha inaugurato un nuovo ospedale operando personalmente un paziente. Appena l’ha saputo, Berlusconi ha deciso di presenziare all’inaugurazione di un motel in tangenziale.

Il governo delle Maldive si è riunito sott’acqua per cercare di richiamare l’attenzione sul problema dello scioglimento dei ghiacciai e dell’innalzamento dei mari. Secondo lo stesso criterio, il prossimo consiglio dei ministri in tema di prostituzione si svolgerà sul letto grande di Putin.

Antonella Clerici sarà la conduttrice del prossimo Festival di San Remo. Chiara l’idea per rilanciare la gara canora: peggiorando la conduzione, forse le canzoni sembreranno migliori.

Problemi dopo il passaggio del Lazio al digitale terrestre: in alcune zone le televisioni hanno cominciato a trasmettere telegiornali attendibili. Il viceministro con delega alle Telecomunicazioni Romani, ha dichiarato che il disguido sarà risolto al più presto e non si ripeterà.

Grandi festeggiamenti per il ventennale della caduta del muro di Berlino, che ha significato la fine del comunismo in Europa. Sperando che anche Berlusconi si accorga che ciò è avvenuto.

Novità annunciata dal ministro Brunetta: si potrà ottenere la carta d’identità al compimento del decimo anno di età. E’ un passo in avanti dal punto di vista della sicurezza: finalmente, per esempio, potranno essere identificate le ospiti delle feste del premier.

Berlusconi ha solennemente dichiarato davanti ai giornalisti: “Non sono ricattabile da nessuno”. A sorpresa gli è squillato il telefono e lo si è sentito dire: “Sì, certo, Piemonte e Veneto vanno a voi… Sì, tranquillo, il reato di clandestinità verrà considerato grave ai fini dei tempi dei processi…”

Bloccato il rinnovo del contratto per Bruno Vespa, che prevedeva un compenso di 1 milione e 670 mila euro l’anno. Motivazione? Un po’ caro come zerbino di Palazzo Chigi…

Ora che non è più presidente degli Stati Uniti, George W. Bush tiene conferenze per motivare i dipendenti d’azienda. Controindicazione: bombardano le aziende rivali.

Il Ku Klux Klan sbarca in Italia. Il fine dichiarato degli adepti è quello di dare vita ad uno stato bianco e cristiano e il punto di riferimento un sito dove si attaccano persone di colori, ebrei ed omosessuali. Dura risposta della Lega: “Non abbiamo alcuna paura della concorrenza”.

Il procuratore capo di Roma ha predisposto delle indagini su Marrazzo e sul video che lo riprende con un transessuale. Ha dichiarato: “Voglio verificare se si tratta di un montaggio”. Bhè, di certo non di una semplice stretta di mano!

Proposta di legge sul processo breve: fin dall’udienza preliminare giudice e testimoni dovranno dichiarare quanto vogliono per farsi corrompere dal premier. Del resto, ogni uomo ha un prezzo, come diceva sempre Marrazzo.

Berlusconi è stato assente per qualche giorno dalla vita pubblica: “Sono stato a letto una settimana con la suina”.
“Eh, è proprio una brutta influenza!”
“Influenza? Che c’entra l’influenza!”

Corteggiamento

Bersani e Berlusconi incontrano in rapida successione Casini, proponendogli accordi per le regionali. A Roma non si vedeva un politico corteggiare così tanto un uomo dall’ultimo video di Marrazzo!

Astensione

Dario Franceschini ha speso tutte le sue energie negli ultimi giorni di campagna elettorale per convincere gli Italiani ad andare a votare. Peccato non abbia detto per chi.
“Ogni persona che si astiene regala un voto a Berlusconi”, ha dichiarato.
“E’ tutto falso!”, ha replicato il premier. “Questo avverrà solo dopo la nostra prossima riforma elettorale!”