Dei pride

L’11 febbraio Benedetto XVI ha annunciato le sue dimissioni. Rovinando San Valentino a Padre Georg.

Per chi non lo sapesse, Padre Georg è il segretario privato di Ratzinger, il George Clooney del Vaticano. È apparso sulla copertina del numero del 16 gennaio di Vanity Fair, con il titolo. “Essere bello non è peccato”. Volevo acquistarlo, ma poi ho temuto ci fosse anche il paginone centrale.

Le dimissioni del Papa saranno valide 17 giorni dopo l’annuncio. È giusto il tempo necessario per svestirlo.

(Solo per i gioielli vanno via almeno tre – quattro giorni)

(e comunque non voleva essere l’unico a togliersi un buffo costume proprio durante il Carnevale)

Ratzinger dunque non sarà più Papa da marzo. Proprio quando si inizia  a sentire la primavera. Non può essere un caso.

Non so se avete visto la foto, ma la sera dell’annuncio un fulmine sceso dal cielo ha colpito San Pietro. Anch’io quando festeggio a volte esagero.

Il Papa ha dunque annunciato le sue dimissioni e lo ha fatto in latino. Mi aspetterei che fosse sostituito da un triumvirato. Ha parlato in latino anche perché in italiano non esiste una frase per spiegare che si lascia un posto di potere di propria spontanea volontà. A qualcuno comunque dispiacerà l’addio di Ratzinger: è l’unico che dava lavoro a traduttori che avevano fatto il classico.

Ci si interroga sulle reali motivazioni del gesto, talmente inaspettato che perfino Padre Lombardi ha dichiarato: “La decisione ha colto tutti di sorpresa”. Ci è toccato bere spumante caldo. Il cardinal Sodano ha parlato di fulmine a ciel sereno. Il rischio è che ora che i fedeli più influenzabili adorino quello.

Qualcuno ha parlato di malattia. Altri dicono che Ratzinger abbia preferito farsi da parte prima che Corona facesse uscire certe foto compromettenti. Fonti vicino al Papa, invece, sostengono che ha sempre desiderato avere un po’ di tempo per leggere finalmente la Bibbia. Andreotti dal canto suo ha parlato di crisi di mezza età.

In realtà la vera motivazione l’ha svelata lui stesso: non ha più le forze per fare il Papa. Per esempio, lo sapete quanto pesano quei grossi cappelli? La stanchezza e l’eccessiva anzianità di Benedetto XVI sono testimoniate dal fatto che aveva già preso la decisione alcuni mesi fa, ma poi se ne era completamente dimenticato. Pare infatti che il Papa avesse deciso di abbandonare durante il viaggio a Cuba del marzo 2012, lasciando il sangue di Cristo per un rum invecchiato 7 anni.

Il Papa comunque è davvero stanco e ha preferito lasciare, anche se per un po’ aveva pensato all’Angelus in video conferenza. Si sente debole, vecchio ed inizia a perdere colpi: le prediche ormai è più adatto ad ascoltarle.

In ogni caso la Chiesa va avanti e si pensa già al nuovo Papa, anche se tecnicamente il proverbio prevedrebbe un decesso. L’elezione avverrà comunque entro Pasqua. Anche perché c’è gente che alla pedicure del giovedì santo non vuole proprio rinunciare. Abbiamo visto che, in ambito politico, per ottenere la vittoria, Monti e Berlusconi hanno adottato un cane. Per analogia, Bertone starebbe pensando ad Anubi.

Certo che Berlusconi farebbe proprio di tutto per vincere le elezioni: non solo per conquistare i voti degli animalisti ha adottato un cane, ma durante il comizio di Prato, dove è numerosissima la comunità cinese, sarebbe disposto a mangiarlo.

Tornando al Vaticano, si dice che si stia pensando ad un Papa nero. Il che permetterebbe di adeguarsi alla gestione finanziaria. Sappiamo infatti che la gestione delle Banche nella Santa Sede non è molto trasparente. Anche perché per improvvise apparizioni o sparizioni di soldi si giocano sempre la carta del miracolo. Ci sono dunque buone possibilità di un prossimo Pontefice di colore. O almeno, dopo un capo fallimentare negli Stati Uniti hanno fatto così.

Due giorni dopo l’annuncio delle dimissioni, durante la sua penultima udienza generale, Ratzinger si è schierato contro aborto, eutanasia e manipolazioni genetiche. Possiamo quindi escludere la crisi di coscienza. La sua ultima celebrazione liturgica è stata la messa delle Ceneri. Dal primo marzo solo Bacco, tabacco e Veneri. Le parole di Benedetto XVI in questa occasione sono sembrate un vero e proprio testamento spirituale. Ma i suoi veri valori sono senz’altro nell’altro. Il Papa ha chiesto un particolare ricordo nella preghiera. Ma sono anni che tutti pensano a lui al momento del “Liberaci dal male”.

Per la cronaca, l’ultimo Papa si era dimesso all’inizio del 1400. Speriamo che anche questa volta si vada verso la fine del Medio Evo.

Annunci

Piazzista di Spagna

Raduno dei giovani cattolici a Madrid. Per loro fortuna non esistono fondamentalisti laburisti.

Nelle giornate in cui si tiene la manifestazione, il centro della capitale spagnola è stato, di fatto, bloccato. Toccherà al sole girargli intorno.

La città si è riempita di maxischermi e colossali impianti di megafonia. Così sono capace anch’io ad essere in ogni luogo.

“Voglio incontrarmi con migliaia di giovani di tutto il mondo, cattolici, interessati a Cristo o in cerca della verità”. Questo l’annuncio del Papa sul giornale.

Benedetto XVI era già stato in Spagna 10 mesi fa. Ora è tornato a riabbracciare i suoi cari figlioli.

Quando il Pontefice è apparso in pubblico, è stato chiuso lo spazio aereo di Madrid. Le preghiere avrebbero potuto interferire con la strumentazione di bordo.

Ad accogliere il Papa all’aeroporto, per farlo sentire a suo agio, c’erano il re, la regina più alcuni vassalli, valvassini e valvassori.

Per l’incontro con i giovani, il sindaco di Madrid ha consegnato a Benedetto XVI le chiavi della città. E lui ha subito messo una cravatta sulla maniglia.

Il Papa: “No agli abusi di una scienza senza limiti”. La febbre va misurata sotto l’ascella.

“Sorge il bisogno di radicalità”, ha poi dichiarato Ratzinger, criticando gli interni della Papamobile.

Per l’arrivo del Santo Padre a Madrid, Suor Teresita è uscita dalla clausura dopo 84 anni. “Chissà come sta Pio XI”.

E’ stata recentemente pubblicata la biografia della religiosa. Il progressivo ampliarsi di una crepa sul muro non è mai stato raccontato così bene.

La polizia ha arrestato Josè Perez Bautista, volontario della Gmg. Insospettita dal nome accentato a quattro lettere.

Il giovane era intervenuto più volte su forum ultracattolici. E cliccava “Mi piace” solo se aveva intenzione di riprodursi.

La minaccia di Perez Bautista, giovane chimico, è stata considerata seria, in quanto aveva accesso a sostanze potenzialmente pericolose: i testi sacri.

Benedetto XVI ha incontrato i docenti universitari con meno di 40 anni. Era stufo di avere sempre intorno Italiani.

Il Papa ha confessato quattro giovani. Ma si sospetta siano molti di più.

Sfila la protesta contro la Giornata mondiale della Gioventù. Numerosi striscioni iniziano con “Ai miei tempi…”

Polemiche per le violenze ingiustificate delle forze dell’ordine sui manifestanti laici: non sono nemmeno riusciti a convertirli.

La seconda giornata di Benedetto XVI a Madrid si è conclusa con una Via Crucis. Avete presente quando avete bisogno urgente della pillola del giorno dopo?

Il testo della prima stazione è stato affidato a giovani di Gerusalemme, quello dell’ultima a ragazzi di Giappone, Haiti, e della città spagnola di Lorca. Bocciato quello italiano: “Trenitalia si scusa per il disagio”.

“Se Dio è buono, perché le malattie colpiscono persone innocenti?”, ha chiesto un bambino, constatando l’ottimo stato di salute del Pontefice.

Stupore per il lecca lecca con la faccia del Papa. Ma solo perché nessuno ha ordinato il calippo.

(lecca lecca con l’immagine di Ratzinger. Ma è gola o lussuria?)

“Si constata una sorta di eclissi di Dio”, ha dichiarato l’intermediario tra Dio e gli uomini.

Il Papa è stato interrotto dalla pioggia, poi il vento gli ha strappato la papalina. Era da millenni che il suo Dio non era così chiaro.

“La prossima Giornata mondiale della Gioventù sarà a Rio de Janeiro”. Il copricapo con la frutta è più difficile da far volare via.

(“Tra due anni tutti a Rio”, ha annunciato Benedetto X V I O U Y)

White metal

Attentati in Norvegia, si pensa subito alla pista islamica. Seguendo la procedura.

Gran parte del centro di Oslo è stato immediatamente evacuato. Come ogni sera dopo le 17.

Arrestato l’attentatore, si chiama Anders Behring Breivik: che fortuna aver iniziato ad indagare seguendo l’ordine alfabetico.

Il folle assassino è dunque un norvegese. Ma si cerca ancora una spiegazione più confortante.

Bianco, alto un metro e novanta, dall’aspetto decisamente nordico. Questo è l’identikit della nuova generazione di attentatori islamici.

Il colpevole è celibe, vicino agli ambienti di estrema destra e fondamentalista cristiano. Ci sarà presto bisogno di un nuovo conclave.

(alto, biondo, celibe e ultraconservatore: il poster dell’attentatore norvegese sul prossimo numero di Cioheil)

L’attentatore è un fondamentalista cristiano di 32 anni. Ancora un anno e sarebbe stato lui a morire per i nostri peccati.

(in realtà ha voluto solo avvicinare molti norvegesi a Dio)

Alcuni testimoni sostengono che l’assassino non sarebbe stato solo. O forse era semplicemente trino.

L’uomo invece ha dichiarato più volte di aver agito da solo. Poi il gallo ha cantato.

Un esperto: “Il fondamentalismo cristiano estremo può degenerare in violenza”. E la psicologia da due soldi in un libro di Fabio Volo.

Anders Behring Breivik era membro di un blog neonazista svedese. Sotto accusa i moderatori.

L’uomo possedeva una fattoria a 150 Km da Oslo. Il mulino ariano.

In quel posto gestiva un’azienda agricola biologica. Non voleva essere preceduto dalle cattive abitudini alimentari.

Multiculturalismo, marxismo, Islam: sono questi gli obiettivi contro cui si scagliava. E non poteva solo trasferirsi da noi?

L’assassino ce l’aveva con l’atteggiamento del governo verso gli Islamici. Temeva potessero compiere qualche attentato.

Vestito da poliziotto, ha iniziato a sparare su numerosi ragazzi. Pare che lì sia vietato.

Ora starebbe collaborando con le forze dell’ordine. Dopo aver brillantemente superato i test psicoattitudinali.

Subito prima dell’attentato, ha pubblicato su internet un memoriale di 1500 pagine, che svela molto sulla sua personalità. Per esempio, soffriva di grafomania.

Il Papa: “Abbandonare le vie dell’odio”. Sembra sia l’ora di punta.

Spinoza. Una risata vi disseppellirà.

Sabato 14 maggio, alle 15, al Salone del Libro di Torino, presenteremo in anteprima SPINOZA. UNA RISATA VI DISSEPPELLIRÀ, secondo atto della saga di Spinoza, contenente 2.500 nuovissime e ferocissime battute – in gran parte inedite – su cronaca, politica e attualità.

Sarà presente, al completo o quasi, lo staff di Spinoza, insieme a una guest star d’eccezione: Maurizio Milani.

Ci troverete allo Spazio autori A, nel padiglione 2, in fondo a destra (non fate battute). Seguiranno aperitivo, sbevazzate e bagordi vari presso lo stand di Aliberti Editore (padiglione 3, stand T80).

Chi non potrà venire a Torino, potrà trovare il libro nelle peggiori librerie di Caracas dal 26 maggio.

Eccovi la copertina:

Finché non vita non ci separi

Approda alla Camera il disegno di legge sul biotestamento. Per la nuova ed eterna alleanza.

L’approvazione della legge è molto urgente per il paese. Data la difficoltà nel contestualizzare la prostituzione minorile.

Il disegno di legge, il cui iter è iniziato nel 2009, ha subito numerosi incidenti di percorso. Che lo hanno ridotto in stato vegetativo.

(legge sullo stato vegetativo: per una volta è il Pd ad essere in conflitto di interessi)

Nel testo, l’ultima parola è riconosciuta al medico anche in caso di presenza di un biotestamento. Potrebbe decidere di fecondarvi.

(io comunque inizierò a farmi curare dal mio macellaio)

Idratazione ed alimentazione non potranno essere sospese. Ma per farla finita si potrà scegliere di farsi frullare dei Big Mac.

Il testo stabilisce inoltre che ogni 50.000 flebo va cambiato l’olio dell’estrema unzione.

Secondo Della Vedova, il testo della legge è “indigeribile”. Ma verrà comunque costretto ad ingoiarlo.

Di Virgilio (Pdl) dice no al diritto alla morte. In certi casi dovrebbe essere un dovere.

Libia, Gheddafi tira in ballo Al Qaeda per giustificare tutte le sue nefandezze. Dev’essere Repubblicano.

Sono stati evacuati 30 mila Cinesi. Quindi, per chi fosse interessato, si sono liberati due appartamenti.

Il portavoce del governo: “‘Tutti i libici devono stare sotto un’unica bandiera”. A costo di avvolgerci le loro bare.

Si succedono le sanzioni contro il regime di Gheddafi. Berlusconi annuncia che nell’Autostrada dell’Amicizia non farà istallare le colonnine SOS.

Gheddafi: “Il popola mi ama”. Finché morte non li separi.

Il regime ha bloccato Internet: migliaia di giovani furibondi sono scesi in piazza in piazza. Coi pantaloni ancora calati.

E’ stato proposto a Gheddafi di lasciare il potere in cambio dell’immunità. Se la sperimentazione andrà bene, la riforma della Giustizia verrà applicata anche in Italia.

Esce il secondo libro del Papa su Gesù. Grazie all’espediente della resurrezione.

“Non tutto il popolo ebraico volle la morte di Gesù”. Ma fu una grande prova di democrazia.

Lele Mora accompagnerà Ruby all’altare. Non è certo la prima volta che la consegna ad un uomo.

Scontro scuolabus-camion, bambini feriti in Abruzzo. Berlusconi: “Fate finta di essere sull’autoscontro”.

La Rai sospende lo spot di ‘Silvio forever’, una biografia del premier che riproduce perfettamente la sua vita: non è autorizzata.

Bereguardo (Pv): pipistrelli e parrocchia si contendono grotta votiva. La specie di pipistrelli in questione è protetta. Ma mai quanto il Vaticano.

Il parroco: “Fedeli e pipistrelli non possono convivere”. Il matrimonio è proprio un’ossessione.

Automobilista fermato mostra ai Carabinieri la patente veneta. Non evita la multa, ma ora riceverà un assegno di invalidità.

In Friuli, la Lega istituisce un numero di telefono a cui si può chiamare se ci si sente danneggiati dagli immigrati. E’ quello di un’armeria.

Silenzio

Benedetto XVI ha dichiarato che quest’estate rimarrà nel Lazio, non andando in montagna. Per godersi un po’ di silenzio, studierà le prese di posizione di Pio XII sul fascismo.

Il Papa a Torino

Torino blindata per l’arrivo di Papa Benedetto XVI. Non si fida nemmeno lui della protezione di Dio.

Misure di sicurezza adeguate al messaggio ed alle idee del personaggio: è stato riempito il fossato ed alzato il ponte levatoio.

Benedetto XVI è stato accompagnato solo da Cardinali piemontesi. Conformemente al federalismo clericale.

Sono state consacrate 30 mila ostie e, per errore, alcune fiches.

250 i sacerdoti che hanno distribuito la comunione ai fedeli in piazza San Carlo. Per l’offertorio, è stata messa a disposizione una filiale dell’Intesa San Paolo.

“Rendere la città sempre più umana e vivibile”, ha ammonito Ratzinger, dopo aver paralizzato Torino con il suo arrivo.

Published in: on maggio 5, 2010 at 10:04 pm  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Clericus Cup

Al via sabato la Clericus Cup, il campionato dei sacerdoti. La terna arbitrale è formata da un solo arbitro.

Published in: on febbraio 21, 2010 at 6:52 pm  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , ,

Binetti: “Lascio il Pd”

Binetti: ” Il Pd si è avviato verso il fallimento”. Quindi il suo compito all’interno del partito è finito.

“Io ho chiesto di sapere, ma le risposte ancora non mi sono state date”. E sappiamo che lei senza certezze assolute non crede in niente.

“Mi auguro davvero che Francesco Rutelli e Pierferdinando Casini si mettano insieme”, ha dichiarato infine, flagellandosi subito dopo per punire l’ambiguità della frase.

La pillola dei 5 giorni dopo

Arriva la pillola dei «5 giorni dopo». In Europa è già stata approvata dall’Emea, l’ente europeo per il controllo dei farmaci, e quindi si prevede che sarà disponibile in Italia fin dall’estate. 2025.

Gli effetti collaterali segnalati sono principalmente mal di testa, nausea, dolori addominali, scissioni nel Pd.